Warning: Parameter 1 to ace_where() expected to be a reference, value given in /home/fablabitalia/fablabitalia.it/wp-includes/plugin.php on line 256

Warning: Parameter 1 to ace_join() expected to be a reference, value given in /home/fablabitalia/fablabitalia.it/wp-includes/plugin.php on line 256
» Chi siamo FabLab Italia

Autoprogettazione 2.0 + Eventi al Fuorisalone 2012

Questo è decisamente l’anno del Making e della digital fabrication in Italia. Dopo il World Wide Rome, il Fablab Torino sta organizzando con Domus una serie di eventi e mostre che si terranno dal 17 aprile al 22 aprile a Palazzo Clerici, in via clerici 5 a Milano.
Durante la settimana all’interno dello spazio del Fablab verranno organizzati un workshop al giorno:
- martedì 17: Arduino base by Massimo Banzi
- mercoledì 18: Riparazione Creativa by Fablab Torino
- giovedì 19: Arduino base by Massimo Banzi
- venerdì 20: lasercut fold slippers by Openwear
- sabato 21: 3D printed 3D printers by Kentstrapper
- domenica 22: Get the best from interlocked lasercut design by Vectorealism
tutti i workshop sono gratuiti e su prenotazione.
Appena verranno aperte le iscrizioni verrà mandata un’email a tutta la mailing list di Fablab Italia.
Per rimanere aggiornati conviene iscriversi subito!

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Auto Draft

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Fabcamp Torino

FabCamp Torino 29/10/2011 dalle h10.00, un evento interamente dedicato alla rivoluzione post-industriale: quella digitale.
Un occasione di incontro tra i protagonisti di questa innovazione, per unire le proprie esperienze e progettare insieme il Fabbing (o Digital Fabrication) in Italia, e nello specifico immaginare un proseguimento per l’esperienza torinese.

Interverranno Massimo Menichinelli, esperto di Digital Fabrication e OpenDesign, Massimo Banzi, co-fondatore di Arduino e del FablabItalia che presenterà lo staff del Fablab. Seguirà una presentazione delle varie attività svolte dal laboratorio di fabbricazione in questi mesi.

TimeTable:

10:00 Walk-In

10:15 Massimo Banzi (Arduino.cc / Fablab)

10:30 Massimo Menichinelli

11:30 Enrico Bassi (FabLab Team)

Pausa // Business Canvas

13:15 OpenTalk

Il programma della giornata prevede una discussione aperta per immaginare modelli di business, tra imprenditoria e associazionismo, che si adattino alla Digital Fabrication.

Per iscriversi e partecipare al FabCamp Torino cliccate qui.

un ringraziamento particolare a Zoe Romano per aver realizzato l’header e il progetto grafico del FabCamp Torino ;)

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mai sentito parlare di 3d printing?

Full Print3d. Imprimint objectes from DHUB on Vimeo.

Per chi ancora non avesse compreso le potenzialità del digital fabbing ecco un cartone animato che non lascia spazio a dubbi!
Il video fa parte di “Full Print3d. Printing Objects”, la mostra organizzata presso il DHUB, Design Hub di Barcellona (visitabile fino al 22 maggio 2011) che si focalizza sul 3d printing e su come questa tecnologia stia cambiando il mondo della realizzazione di oggetti quotidiani. La mostra è allestita al fine di spiegare al mondo cos’è la digital fabrication ed indagare quali sono le implicazioni concettuali che questo tipo di produzione ha nel campo del design.Per maggiori info sul Design Hub di Barcellona e le loro attività trovate tutto QUI.

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

L’ascia della vittoria, terza puntata.

Dopo aver realizzato gli stampi per l’ascia della vittoria in collaborazione col centro di restauro di Venaria, finalmente abbiamo realizzato anche l’ascia del Fablab!
Un ringraziamento speciale a Gualtiero, che ci ha dato una mano a stendere la fibra di vetro e colare la resina ed ora il pezzo è pronto.
Finalmente qualcosa per difenderci dai visitatori troppo invadenti!

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Private: Fablab Italia ringrazia VOI.

Domenica scorsa è stato l’ultimo giorno di apertura per le OGR e anche l’ultimo per il Fablab Italia che dopo nove mesi di duro lavoro e grandi soddisfazioni si ferma, o meglio, fa una pausa per fare il punto della situazione e poter ripartire nel prossimo anno più carico e frizzante che mai.

Cogliamo l’occasione per ringraziare di cuore tutti coloro che ci sono passati a trovare in questi mesi, portandoci i loro progetti da realizare o ancora meglio, le loro idee da sviluppare assieme. E’ stato un percorso di crescita notevole e speriamo vi siate divertiti tanto quanto noi.
Un grazie speciale a Pamela, Sara, Paola e Cesare che ci hanno supportato costantemente impegnandosi senza tregua ad assisterci e appoggiarci in ogni necessità, aiutandoci a comunicare il nostro lavoro a quante più persone possibile.
Grazie a Franco, Gualtiero, Andrea e Dante per le preziose conoscenze che hanno condiviso con noi, travolgendoci col loro entusiasmo e facendoci crescere e migliorare costantemente.
Un ringraziamento anche a Pippo, Enzo, Alessandro, Marco e tutti i ragazzi di Stazione Futuro che ci hanno tenuto compagnia durante quest’avventura e con grande generosità ci hanno sempre dato una mano e chiuso un’occhio sul caos che regnava nel laboratorio.
Grazie a Davide e Massimo, per aver messo a disposizione nostra e di tutti i visitatori le vostre conoscenze e averci trasmesso la passione per il frizzante mondo che ruota attorno alla piccolo, grande Arduino.

Non appena cisaranno novità concrete sul futuro del fablab a Torino ve lo comunicheremo immediatamente tramite blog e newsletter. Nell’attesa vi salutiamo con un ultimo grande GRAZIE!

A prestissimo,
Il team di Fablab Italia
Enrico, Lorenzo, Matteo.

2 Responses to “Private: Fablab Italia ringrazia VOI.”

  1. Franco 25/11/2011 at 18:58 #

    “a prestissimo” è il saluto che speravo di sentire, e non credo di esser l’unico!

  2. m.ardito 30/11/2011 at 10:22 #

    infatti non sei l’unico :-)
    spero di potervi venire presto a trovare, alle ogr son opassato solo un sabato di corsa, ma vi ho seguito alla viewconf!
    Ciao, Marco.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Autodesk si è lanciata!

Quando le grandi aziende si iniziano a muovere in un mondo di nicchia come la digital fabrication bisogna iniziare ad aspettarsene delle belle. E’ il caso di Autodesk che è recentemente uscita con una suite di programmi denominati 123D ottimi per realizzare velocemente i file digitali che nutrono le macchine di un fablab.
In particolare Per tutti coloro che amano realizzare oggetti con la taglio laser ecco un tool (putroppo disponibile solo per mac) che rende il lavoro molto più semplice. Autodesk ha realizzato un software che trasforma automaticamente un modello 3d in un file pronto per essere tagliato a laser, sia in modo lyer by lyer sia ad incastri.
A voi i giudizi!

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Sculture digitali – Riccardo

Oltre che per architetti, designer il fablab è un luogo adatto anche per gli artisti. Riccardo Muroni lavora da tempo sulla realizzazione di opere d’arte che fondono il digitale e il reale trovando al fablab il luogo perfetto per lui!

La scultura è direttamente influenzata dalla statica e la progettazione non è quasi mai in tempo reale.
Il 3d può, in certi casi, risolvere tali problematiche.
Questo mi ha permesso di creare delle forme svincolato da obblighi e limitazioni delle forze fisiche come la gravità, forza peso e problematiche legate alla produzione: materiali e dimensioni.
Mi definisco un’espressionista astratto nel senso che ripongo nella forma e quindi nel segno, tutto il mio pensiero artistico.
Faccio riferimento soprattutto a forme primarie come triangolo e quadrato lasciandomi ispirare dalle strutture naturali e prendendo spunto dalle formazioni dei cristalli.
La creazione avviene quasi per caso, lasciando libero il filtro, la mia mente, a rappresentare una delle possibili visioni del contemporaneo.
La discretizzazione (metodo con cui un segnale analogico è sintetizzato per essere digitalizzato) porta inevitabilmente ad una riduzione dell’informazione.
Questo può essere paradossale dato che la quantità d’informazioni a noi offerte è infinita, ma comunque rimane il fatto che sia un’informazione ridotta, sintetizzata e finita.
Siamo di fronte ad una inevitabile stilizzazione della realtà.
Io non faccio altro che rappresentare quel tipo di stilizzazione sotto forma di sculture.

Autore: Riccardo Muroni (http://www.dispari.net)
Licenza: CC by nc nd (se volete fare delle modifiche contattate direttamente il progettista alla mail riccardo.muroni(chiocciola)ricubic.com)
SCARICA IL FILE DXF
SCARICA I FILE STL

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

24082011187

24082011187

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Steadicam

Dopo lo spallaccio ecco un’altro progetto per chi sogna di diventare videomaker low cost: la steadicam.
Un supporto estremamente utile per ridurre le vibrazioni della ripresa video e garantire video fluidi come quelli professionali. L’abbiamo presentato qualche settimana fà alla View Conference e l’interesse è stato notevole, ecco qui un video delle potenzialità della nostra Steadicam:

Autore: Enrico Bassi
Licenza: CC by nc sa
SCARICA IL FILE DXF
SCARICA I FILE STL

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Steadicam

Dopo lo spallaccio ecco un’altro progetto per chi sogna di diventare videomaker low cost: la steadicam.
Un supporto estremamente utile per ridurre le vibrazioni della ripresa video e garantire video fluidi come quelli professionali. L’abbiamo presentato qualche settimana fà alla View Conference e l’interesse è stato notevole, ecco qui un video delle potenzialità della nostra Steadicam:

Autore: Enrico Bassi
Licenza: CC by nc sa
SCARICA IL FILE DXF
SCARICA I FILE STL

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

spallaccio steadycam

spallaccio steadycam

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Fiocco rosa al Fablab, è nata una Reprap!

E’ nata! A due giorni dalla chiusura delle OGR è arrivata una piccola sorpresa! I ragazzi di Prometeo ci hanno portato il frutto del lavoro di queste ultime settimane! Da quasi un mese la Makerbot sfornava giunti e supporti che finalmente hanno assemblato per dare vita alla loro piccola RepRap Mendel.
Tra poco ci sarà l’inaugurazione quindi restate aggiornati sul loro sito prometeolibero.eu per scoprire la data dell’evento!

3 Responses to “Fiocco rosa al Fablab, è nata una Reprap!”

  1. Alberto 19/11/2011 at 11:36 #

    Mettete il tutorial online di come costruire questa rep rap :)

    Ne sarei moltooo interessato

    CiaoCiao

    • Francesco Golia 19/11/2011 at 15:28 #

      Ciao Alberto,
      non abbiamo un vero e proprio tutorial in italiano ma sul nostro wiki abbiamo messo un bel po’ di materiale sulla realizzazione della stampante.

      http://wiki.openlabto.org/index.php/RepRapMendel

      • Alberto 20/11/2011 at 19:54 #

        Perfetto! Bel lavoro ragazzi!

        Vi ho sempre seguito nel vostro blog. Però, vedendo le ultime attività, mi è venuta voglia di partecipare a qualche vostro incontro. Come posso fare? Vi vorrei conoscere… magari farci una chiacchierata :)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Stencil Ciclonudista

Rovistando, se così si può dire, tra i vari file realizzati in questi mesi sono riemersi anche i PDF per realizzare gli stancil utilizzati al Naked Bike Ride (aka Ciclonudista). Eccoli a disposizione per chi volesse realizzarli!

Autore: Matteo Tangi
Licenza: CC by nc sa
SCARICA I FILE PDF

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

sculture digitali

sculture digitali

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Miglioramento progetto: Spallaccio per Canon 5D – Dafni

Come per tutte le cose, solo utilizzandole vengono fuori i difetti e i problemi. Esattamente quello che è successo per lo spallaccio per la 5D di Dafni, dove i giunti realizzati con la makerbot, che tenevano assieme la struttura si sono rovinati fino a rompersi. Nulla di grave, la fotocamera è salva, ma è stato necessario riprogettare il giunto in maniera che la direzione delle “fibre” (per rendere l’idea) dei pezzi creati fosse ottimale per il tipo di sforzo da reggere.
Il nuovo giunto è pronto, ora non resta che vedere quanto durerà!

Autore: Enrico Bassi
Licenza: CC by nc sa
SCARICA IL FILE DXF

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

13

13

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

12

12

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

11

11

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

9

9

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

6

6

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

5

5

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

3

3

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

2

2

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

1

1

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Tangram

Come spiega Wikipedia

Il tangram (in cinese 七巧板; pīnyīn qī qiǎo bǎn) è un gioco rompicapo cinese. Il nome significa “Le sette pietre della saggezza”. Pur essendo comunemente ritenuto di origine molto remota nel tempo, le più antiche fonti conosciute non lo nominano, però, che verso il XVIII secolo.

Dopo aver collaborato con scuole medie, superiori e università siamo ringiovaniti realizzando un lavoro per una scuola materna.
Una maestra infatti ci ha chiesto se potevamo realizare delle forme stile Tangram, che però contenessero anche elementi circolari, su carta colorata. Questo per poterne realizzare dei collages e stimolare le capacità creative e cognitive dei bambini con lieve ritardo mentale presente nella sua classe.
Questo è uno dei valori del fablab, poter realizzare piccoli e grandi progetti capaci di migliorare il contesto con cui viene a contatto.

Autore: Matteo Tangi
Licenza: CC by nc sa
SCARICA IL FILE DXF

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

stencil

stencil

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Fablab @ Ciclonudista

Noi del fablab non ce ne facciamo scappare una. Poi se ci sono di mezzo biciclette, bodypainting e un’iniziativa divertente come il Naked Bike Ride non possiamo non prenderne parte!
Quindi ci siamo chiesti cosa avremmo potuto fare per dare una mano con le nostre macchine? Semplice! Degli stencil per tatuare sulle persone tutti i messaggi e i disegni che ci potevano venire in mente!
Il successo è stato enorme, ognuno ne ha scelto uno o più e si è fatto tatuare dallo staff dell’iniziativa tra cui ovviamente c’eravamo anche noi e poi, tutti a pedalare ignudi (o quasi) per le strade di Torino. La pedalata più divertente e colorata che io abbia mai fatto!

Se volete vedere le foto diventate nostri amici su Facebook e sbirciate il nostro album!
Per chi non avesse il contatto facebook una parte delle foto è anche sul nostro Flickr

Chiunque voglia realizzare il proprio stencil personale basta venirci a trovare alle Officine Grandi Riparazioni (OGR), all’interno della mostra Stazione Futuro!
Vi aspettiamo!

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Scriviamo sui biscotti

E infine ci siamo allargati anche al cibo. Dopo aver laserato di tutto e di più, grazie alla proposta di Sara e Michele ci siamo lanciati. Laserare dei biscotti che avrebbero poi distribuito durante Operae per promuovere i loro lavori.
La prima prova sulle gallette è stata scartata subito a causa dell’odore sgradevole che l’incisione laser sprigionava, invece con un’altro tipo di biscotti,più simili alle paste di meliga, il risultato è stato eccellente e addirittura il gusto migliorava con delle note di pane tostato.
D’ora in poi ci toccherà portare un bel cappello da cuochi!

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Lampadario Drop – Danilo

DROP! 2011
Una lampada dal progetto opensource ideata da Dispari Design e realizzata con la preziosa collaborazione di FabLab Italia.
L’idea nasce dalla voglia di realizzare un modello di lampada altamente personalizzabile, realizzata con materiali colorati e assemblabile con minimo sforzo:
Realizzarla richiede:
• il file DXF che potete scaricare qui
• anelli di metallo (li trovate in qualsiasi negozio di bigiotteria) in alternativa filo da pescatore
• un bocchettone generico di Ikea (modello Hemma o equivalente)
• Una lastra di Plexyglass, di spessore non superiore ai 5mm
• Un po’ di creatività e manualità
• Una lampadina (magari a risparmio energetico)
Assemblaggio
• Incastrare l’anello mediano nel bocchettone Hemma
• collegare l’anello esterno a quello mediano con anelli di metallo (o pendenti)
• attaccare con anelli di metallo i pendenti (o gli accessori)
Consigli
• I pendenti della lampada Drop! 2011 sono combinabili a piacere per personalizzare la lampada secondo i vostri gusti.
• Con Plexyglass opaco, trasparente o specchiante potete adattare la lampada ai diversi ambienti della casa (ma nulla vieta di provare altri materiali)
• I pendenti accessori (inclusi nel secondo file DXF) permettono un ulteriore personalizzazione della lampada (un pettine in bagno, una forchetta in cucina…)

Autore: Danilo Moretti per Dispari Design (http://www.dispari.net)
Licenza: CC by nc nd (se volete fare delle modifiche contattate direttamente il progettista alla mail pari(chiocciola)dispari.net)
SCARICA IL FILE DXF

One Response to “Lampadario Drop – Danilo”

Trackbacks/Pingbacks

  1. DROP! • 2011 una lampada OpenSource? | Dispari Design - 25/11/2011

    [...] dal progetto opensource ideata da Dispari Design e realizzata con la preziosa collaborazione di FabLab Italia. L’idea nasce dalla voglia di realizzare un modello di lampada altamente personalizzabile, [...]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ganci parete attrezzata

Una soluzione rapida e funzionale per chi, come noi, ha la necessità di appendere al muro tutti gli stumenti con cui lavora, o magari anche solo i vestiti.

Autore: Enrico Bassi
Licenza: CC by nc sa
SCARICA IL FILE DXF

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Sedia assemblabile by LAM

Lo studio di design LAM ha realizzato il prototipo di sedia che verrà utilizzata a Operae, la fiera del design autoprodotto che prenderà luogo a Torino a novembre. Ecco un’estratto della descrizione del progetto da parte dei suoi autori:

TMU tie me up.
Progetto – Luca Macrì
Collaboratori – Gaia Bottari, Davide Vero
Progettiamo sistemi che integrano il prodotto con l’utilizzatore.
Seguendo un principio sistemico di progettazione e sviluppo i materiali e le forme sono risultati che non implicano scelte di gusto o stile.
Occupandosi del montaggio e assemblaggio l’utilizzatore è parte organica del progetto.
Il montaggio non è una semplice fase di passaggio prima dell’utilizzo bensì gioco e momento di creatività, gli elementi sono dati smontati all’utilizzatore per permettergli di innovare cambiare e trasformare il prodotto stesso.
tie me up è una collezione di arredi montabili, customizzabili, implementabili e trasformabili; file rouge della collezione – sedie, sgabelli e portariviste – è il sistema di connessione degli elementi che non richiede alcun strumento o capacità di montaggio.

Autore: CC by nc sa
SCARICA IL FILE DXF

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

spallaccio

spallaccio

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

steadycam

steadycam

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Sonic Benders Workshop @ Operae


Ormai ci siamo, sono aperte le iscrizioni perr il workshop di circuit bending di venerdì, sabato e domenica.
Un workshop di tre giorni per smontare riciclare e far suonare vecchi strumenti elettronici, creare una digital toys orchesta e sfilare in parata a Paratissima.

Il circuit Bending è una pratica molto diffusa tra gli sperimentatori musicali. Soprattutto sulla scena della musica elettronica sono sempre più frequenti gli artisti che si creano controller o addirittura strumenti musicali personalizzati.

Nel workshop saranno coinvolte diverse discipline: toy hacking, riciclo elettronico, elettronica di base, sintesi sonora, programmazione ad oggetti e faremo largo uso di Arduino per comandare i nuovi strumenti.

Il workshop è gratuito, a carico dei partecipanti il costo dei materiali e l’acquisto del kit-workshop.
maggiori informazioni quì!

One Response to “Sonic Benders Workshop @ Operae”

Trackbacks/Pingbacks

  1. Arduino Circuit Bending Workshop in Torino | dev.SquareCows.com - 03/11/2011

    [...] [FablabItalia] Share this:ShareFacebookDiggStumbleUponRedditEmailPrint Address: [...]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Fablab Torino.

Il fabcamp Torino, concluso pochi giorni fa, non ha deluso le aspettative. La discussione che è nata è stata fortemente propositiva e gli spunti sono stati numerosissimi.
Il desiderio di far nascere un Fablab a Torino è forte, ora bisogna solo definire i dettagli e cominciare a lavorarci con determinazione. Per accogliere i vostri suggerimenti e darvi anche qualche aggiornamento su come ci stiamo muovendo la pagina di riferimento è Fablab-Torino. Scrivete, chiedete ma soprattutto diffondete la notizia.
L’unico modo per un Fablab di essere indipendente e mantenersi in vita autonomamente è avere persone che ne sfruttino il più possibile le potenzialità.
Ancora per 20 giorni saremo nella mostra Stazione Futuro, nelle OGR. Passateci a trovare se non siete ancora venuti! Sono giorni di fuoco per noi, ricchi di eventi da preparare ma, come da otto mesi a sta parte, saremo felici di trasmettervi la nostra passione!

One Response to “Fablab Torino.”

Trackbacks/Pingbacks

  1. Godzilla contro Arduino | Sharazad - 06/11/2011

    [...] italiana, guidata dal padre di Arduino Massimo Banzi, si è data appuntamento il 29 ottobre al fab camp di [...]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Fablab Torino

Il Fabcamp che si è svolto sabato 29/10 è stata un’esperienza estremamente positiva e utile a definire il futuro della digital fabbrication italiana e in specifico, torinese ma non funisce qui.
Ci piacerebbe che le proposte continuassero e la discussione sul futuro fablab di Torino coinvolgesse tutti voi!
In attesa di una pagina Wiki dedicata la proposta è di sfruttare le potenzialità di Wordpress e utilizzare i commenti per scambiarci opinioni, proposte e informazioni.

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

g88428

g88428

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

FUTURO

FUTURO

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Fablab Torino

Il Fabcamp che si è svolto sabato 29/10 è stata un’esperienza estremamente positiva e utile a definire il futuro della digital fabbrication italiana e in specifico, torinese ma non funisce qui.
Ci piacerebbe che le proposte continuassero e la discussione sul futuro fablab di Torino coinvolgesse tutti voi!
In attesa di una pagina Wiki dedicata la proposta è di sfruttare le potenzialità di Wordpress e utilizzare i commenti per scambiarci opinioni, proposte e informazioni.

2 Responses to “Fablab Torino”

  1. Francesco Golia 02/11/2011 at 18:28 #

    Via al brainsorming allora!

    propongo di ragionare su due filoni:
    * la community italiana
    * il fablab torino

    Come si è detto al fabcamp il fablab è molto legato al territorio, quindi le scelte applicate a Torino non è detto che siano le migliori per le altre esperienze.

    == Community ==
    Esigenze:
    * fornire una cornice di riferimento per agevolare la realizzazione di un fablab in italia.
    ** individuare modelli sostenibili (per business plan)
    ** individuare stakeholders nazionali, regionali, locali
    ** fornire approfondimenti commerciali / giuridici (limiti e caratteristiche di associazioni, cooperative, società, fondazioni)
    ** fornire approfondimenti legali (noreme di sicurezza, assicurazioni) == Fablab Torino == Esigenze:
    * Spazio ed Orari
    ** caratteristiche dello spazio: superficie, insonorizzazione etc..
    ** orari di accesso: struttura indipendente o in un complesso che presenta vincoli di orario (scuola, università etc..)
    * modello economico di riferimento:
    ** associazione in stile palestra
    ** società + associazione
    ** fondazione
    ** Strumenti e manutenzione
    * Servizi
    ** servizi offerti dal fablab torino
    ** workshop e formazione
    * Interazione con il territorio
    ** Stakeholders
    *** Appasionati di opendesign
    *** Makers di vario genere
    *** Artigiani
    *** Musei
    *** Scuole / università
    *** Associazioni / Fondazioni
    *** Cittadinanza ?
    * Percorso di crescita
    ** individuazione di prospettive di crescita
    *** aumentare i macchinari / spazio
    *** diversificare l’offerta offrendo servizi (riparazione / recupero etc..)

    = Fururo =
    Cosa vogliamo domani ?
    * Innovazione
    ** fablab non solo come fabbrica di oggetti, ma anche di idee
    *** progettazione e realizzazione di nuovi dispositivi per il fabbing

Trackbacks/Pingbacks

  1. Call for Ideas: Autoprogettazione 2.0 | blog AISI - 27/02/2012

    [...] le specifiche produttive e le modalità di presentazione degli elaborati. Sebbene sia lo spazio di FabLab Torino che prendiamo come luogo di riferimento, pensiamo che i progetti che nasceranno da questo concorso [...]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Dai battiti agli atomi

In occasione dello Share festival, Giovedi 3 novembre, ore 12 all’interno del Fablab si svolge la conferenza VS – VersuS: Osservati e osservatori. L’analisi emozionale delle città fra social network, nuovi spazi pubblici, design generativo e ubiquitous fabbing. Intervengono Salvatore Iaconesi e Oriana Persico.
Versus è un progetto di ricerca multidisciplinare tra arte e scienze nato come spin-off dell’iniziativa “ConnectiCity”:
http://www.artisopensource.net/category/projects/connecticity-projects/
In VersuS, l’osservazione in tempo reale delle conversazioni sui social network dà forma a sculture e rappresentazioni visive che uniscono al valore estetico la possibilità di disporre di strumenti innovativi per comprendere la vita delle città e i punti di vista espressi dalle persone. La città diventa una rete neurale, la sua urbanistica un’architettura di dati e relazioni.
Le emozioni, i desideri, le visioni e le aspettative delle persone vivono in nuovi spazi pubblici digitali che si intrecciano sempre più con gli spazi fisici delle città e del territorio. Da un lato, la possibilità di osservare e rendere accessibili in tempo reale le attività delle persone sui social network attiva una serie infinita di possibilità. Dall’altro, l’analisi delle emozioni espresse sui social network è una pratica oramai consolidata che dà forma a strategie commerciali, di comunicazione, politiche ed energetiche: i grandi operatori globali accedono alle nostre vite digitali e ne ricavano informazioni e strumenti di intelligence.
VersuS è concepito come uno strumento evocativo per le persone, le istituzioni e le organizzazioni, capace di promuovere la creazione di nuovi, positivi immaginari per il futuro delle nostre vite e del nostro rapporto con il pianeta e dei suoi abitanti, esplorando al contempo i nuovi modelli di produzione resi possibili dal fabbing e dal design generativo.

VersuS è un concept di FakePress Publishing e Art is Open Source
a cura di: Simona Lodi | Piemonte Share Festival;
prototipazione e stampa 3D: Fablab Italia

VersuS è uno spin-off dell’iniziativa “ConnectiCity” ideata da FakePress Publishing e Art is Open Source.

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Dai battiti agli atomi

In occasione dello Share festival, Giovedi 3 novembre, ore 12 all’interno del Fablab si svolge la conferenza VS – VersuS: Osservati e osservatori. L’analisi emozionale delle città fra social network, nuovi spazi pubblici, design generativo e ubiquitous fabbing. Intervengono Salvatore Iaconesi e Oriana Persico.
Versus è un progetto di ricerca multidisciplinare tra arte e scienze nato come spin-off dell’iniziativa “ConnectiCity”:
http://www.artisopensource.net/category/projects/connecticity-projects/
In VersuS, l’osservazione in tempo reale delle conversazioni sui social network dà forma a sculture e rappresentazioni visive che uniscono al valore estetico la possibilità di disporre di strumenti innovativi per comprendere la vita delle città e i punti di vista espressi dalle persone. La città diventa una rete neurale, la sua urbanistica un’architettura di dati e relazioni.
Le emozioni, i desideri, le visioni e le aspettative delle persone vivono in nuovi spazi pubblici digitali che si intrecciano sempre più con gli spazi fisici delle città e del territorio. Da un lato, la possibilità di osservare e rendere accessibili in tempo reale le attività delle persone sui social network attiva una serie infinita di possibilità. Dall’altro, l’analisi delle emozioni espresse sui social network è una pratica oramai consolidata che dà forma a strategie commerciali, di comunicazione, politiche ed energetiche: i grandi operatori globali accedono alle nostre vite digitali e ne ricavano informazioni e strumenti di intelligence.
VersuS è concepito come uno strumento evocativo per le persone, le istituzioni e le organizzazioni, capace di promuovere la creazione di nuovi, positivi immaginari per il futuro delle nostre vite e del nostro rapporto con il pianeta e dei suoi abitanti, esplorando al contempo i nuovi modelli di produzione resi possibili dal fabbing e dal design generativo.

VersuS è un concept di FakePress Publishing e Art is Open Source
a cura di: Simona Lodi | Piemonte Share Festival;
prototipazione e stampa 3D: Fablab Italia

VersuS è uno spin-off dell’iniziativa “ConnectiCity” ideata da FakePress Publishing e Art is Open Source.

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Portacellulare per bici 2

Ecco il secondo progetto di portacellulare. Sicuramente più minimale del precedente è stato realizzato in due versioni. La prima per Nokia E52 e la seconda per Nokia N8.
Se scoprite che calza bene anche per il vostro modello di cellulare o lo avete ridisegnato ad hoc scriveteci e lo inseriremo in un nuovo post. Magari “portacellulare per bici 3″.

Autore: Enrico Bassi
Licenza: CC by nc sa
SCARICA IL FILE DXF

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

registrazione

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

sonic benders copy

sonic benders copy

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Fabcamp Torino. Pronti a partire!

Ormai siamo diventati monotematici ma l’importanza di questo evento è davvero grande.
Il Fabcamp Torino, per i pochi che ancora non ne avessero mai sentito parlare, sarà un momento di ritrovo e discussione per tutte le persone che ruotano attorno al mondo della digital fabrication. Per lavoro, per passione o per pura curiosità non cambia, l’importante è venire e partecipare attivamente.
Volendo arricchire l’esperienza e incentivare le proposte e la discussione durante la giornata verrà utilizzata la metodologia del business model generation con lo scopo di capire qualche modello di business potrebbe adattarsi meglio al futuro Fablab che nascerà dall’esperienza di questi mesi.
Noi fin ora abbiamo fatto il possibile, domani i veri protagonisti sarete voi!

6 Responses to “Fabcamp Torino. Pronti a partire!”

  1. Andrea 28/10/2011 at 23:35 #

    Il metodo che avete scelto è ottimo, noi lo stiamo seguendo (e diffondendo) da parecchio tempo e ne siamo molto soddisfatti.

    E’ molto importante, specialmente all’inizio, non arenarsi su un modello in particolare, tant’è che la rete mondiale dei FabLab ne ha individuati almeno sette differenti. Il tutto sta nel capire quale è quello giusto nel contesto specifico (tipicamente un mix dei diversi modelli).

    E soprattutto: i modelli che emergeranno nel corso del processo saranno basati su ipotesi, che andranno sempre verificate “sul campo”, utilizzando tutti i feedback ricevuti per correggere il tiro.

    Quindi… buon lavoro!

    • Enrico 31/10/2011 at 17:01 #

      ciao andrea,
      il fabcamp è andato molto bene, ci ha dato parecchi stimoli per andare avanti ed è stato un’interessante fonte di nuove idee.
      sicuramente hai ragione: classificare è dividere. indipendentemente dagli approcci la cosa importante è collaborare: da soli si è destinati a spegnersi insieme ad una comunità di persone che non cresce.
      a presto
      enrico

  2. Peter T 29/10/2011 at 18:47 #

    Good presentations and meaningful discussions — thank you, Italy!

    my photos here: http://www.flickr.com/photos/69219422@N06/sets/72157628004866960/with/6292255772/

    • Enrico 31/10/2011 at 16:58 #

      thanks to you! i hope to have you visiting us a t the new fablab as soon as it will be ready
      take care
      enrico

  3. Francesco Golia 29/10/2011 at 22:44 #

    Complimenti per il Fabcamp!

    Visto che si è parlato di definire delle strategie per la creazione di un fablab per agevolare le esperienze di tutta italia, che ne dite di cominciare a raccogliere le idee su una pagina del wiki ? Per idee intendo idee concrete, non fuffa …

    • Matteo 01/11/2011 at 19:32 #

      Ciao Francesco! Il tuo commento arriva giusto in tempo. Abbiamo realizzato questa pagina proprio per discutere sul futuro del fablab a Torino con chiunque voglia darci suggerimenti, spunti o idee per renderlo reale!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

sonic benders flyer&logo-01

sonic benders flyer&logo-01

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

sonic benders flyer&logo-01

sonic benders flyer&logo-01

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

La mole a forellini


Grazie a un piccolo programma gratuito (grazie a Ray per avercelo fatto scoprire) chiamato Rasterbator è possibile trasformare delle fotografie in vettori costituiti da piccoli cerchiolini colorati. Cerchiolini che possono facilmente essere forati con la macchina laser realizzando un piccolo quadretto.
Bisogna solo fare attenzione a schiarire l’immagine di partenza per far si che i cerchiolini non si tocchino perdendo l’effetto una volta tagliati a laser.

Autore: Matteo Tangi
Licenza: CC by nc sa
SCARICA IL FILE DXF

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

New Yorkers @ Fablab: i risultati!

La collaborazione con i ragazzi di Buildsmart si è concluso e nove modellini architettonici sono stati realizzati. Ognuno ha le sue particolarità ma tutti sono accomunati dall’interattività. Il futuro dell’architettura è tracciato e i giovani architetti hanno realizzato delle superfici attive che modificano il loro stato in base alle necessità di chi vive il luogo. Inoltre sono modulari, pronti per essere scalabili e facilmente manutenibili.

Su Flickr e su Facebook le foto dell’evento!

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

2011-09-32

2011-09-32

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

2011-09-31

2011-09-31

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

2011-09-30

2011-09-30

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

2011-09-29

2011-09-29

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

2011-09-28

2011-09-28

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Robot che costruiscono case

L’architettura è un mondo in continua e rapidissima evoluzione e una delle strade che percorre è quello della digital fabbrication. Numerosi progetti da tutto il mondo hanno sviluppato delle macchine, dei robot, in grado di realizzare dei veri e propri progetti architettonici complessi.
Per avere una visione generale di alcuni dei migliori prodotti Marta MAle-Alemany, direttrice del Workshop di Digital Fabrication allo Iaac di Barcellona, ha realizzato una presentazione visualizzabile sul sito treehugger.com, un portale interamente dedicato alla divulgazione dei progetti sostenibili sostenibile che faranno parte del nostro futuro. Un ottimo punto di partenza per scoprire i nuovi orizzonti dell’architettura.

2 Responses to “Robot che costruiscono case”

  1. paolo boscolo 25/01/2012 at 13:29 #

    Articolo molto interessante, grazie. PBC architecture.

  2. paolo boscolo 25/01/2012 at 13:32 #

    Articolo molto interessante, grazie. Paolo Boscolo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

tangram

tangram

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ganci parete attrezzata

Una soluzione rapida e funzionale per chi, come noi, ha la necessità di appendere al muro tutti gli stumenti con cui lavora, o magari anche solo i vestiti.

Autore: Enrico Bassi
Licenza: CC by nc sa
SCARICA IL FILE DXF

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

ganci parete attrezzata

ganci parete attrezzata

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Drop_2011

Drop_2011

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

foto 3

foto 3

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Photo1

Photo1

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Fanelle – Laura

Fanella è una bambola degli anni ’60 e Laura ha deciso di realizzare dei portachiavi dedicati proprio a lei!

Autore: Laura
Licenza: CC by nc sa
SCARICA IL FILE DXF

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Fanella_specchio

Fanella_specchio

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

fanella

fanella

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

giunto per spallaccio

giunto per spallaccio

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Sedia assemblabile by LAM

Lo studio di design LAM ha realizzato il prototipo di sedia che verrà utilizzata a Operae, la fiera del design autoprodotto che prenderà luogo a novembre. Ecco un’estratto della descrizione del progetto da parte dei suoi autori:

TMU tie me up.
Progetto – Luca Macrì
Collaboratori – Gaia Bottari, Davide Vero
Progettiamo sistemi che integrano il prodotto con l’utilizzatore.
Seguendo un principio sistemico di progettazione e sviluppo i materiali e le forme sono risultati che non implicano scelte di gusto o stile.
Occupandosi del montaggio e assemblaggio l’utilizzatore è parte organica del progetto.
Il montaggio non è una semplice fase di passaggio prima dell’utilizzo bensì gioco e momento di creatività, gli elementi sono dati smontati all’utilizzatore per permettergli di innovare cambiare e trasformare il prodotto stesso.
tie me up è una collezione di arredi montabili, customizzabili, implementabili e trasformabili; file rouge della collezione – sedie, sgabelli e portariviste – è il sistema di connessione degli elementi che non richiede alcun strumento o capacità di montaggio.

Autore: CC by nc sa
SCARICA IL FILE DXF

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Portacellulare per bici 2

Ecco il secondo progetto di portacellulare. Sicuramente più minimale del precedente è stato realizzato in due versioni. La prima per Nokia E52 e la seconda per Nokia N8.
Se scoprite che calza bene anche per il vostro modello di cellulare o lo avete ridisegnato ad hoc scriveteci e lo inseriremo in un nuovo post. Magari “portacellulare per bici 3″.

Autore: CC by nc sa
sedia assemblabileSCARICA IL FILE DXF

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

sedia assemblabile

sedia assemblabile

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

LAMsedia FABLAB2

LAMsedia FABLAB2

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

LAMsedia FABLAB1

LAMsedia FABLAB1

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

LAMsedia FABLAB4

LAMsedia FABLAB4

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

LAMsedia FABLAB3

LAMsedia FABLAB3

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Coprimirino per la 20D

Bentornati alla rubrica dei progetti fotografici!
Come sempre quando i componenti originali costano troppo ci pensa il Fablab, e l’ultimo strumento di cui avevo bisogno era un Eyepiece cover per la mia Canon 20D.
Visto che il pezzo originale è praticamente introvabile ho deciso di costruire personalmente l’eyepiece cover, ossia una piccola linguetta che serve a coprire il mirino della reflex per evitare un’esposizione scorretta in caso di lunghe pose o di street photography.
Un piccolo video di spiegazione è possibile trovarlo QUI

Fateci sapere se riuscite a riadattare la linguetta anche per la vostra reflex!

Autore: Matteo Tangi
Licenza: CC by nc sa
SCARICA IL FILE DXF

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultimo mese del Fablab alle O.G.R. E poi?

Sette mesi fa, all’interno della mostra Stazione Futuro, alle OGR, cominciava l’avventura del FablabItalia. Una stanza piccola e un po’ asettica che ha cominciato a crescere, a espandersi diventando una vera fucina di invenzioni e progetti. Tutto questo non sarebbe potuto succedere se non grazie alle collaborazioni con designer, artigiani, docenti e studenti italiani e internazionali che sono passati da noi portandoci i loro sogni e lavorando sodo per renderli reali.
Perché in fondo è questo quello che è in grado di fare un fablab, prendere un’idea, elaborarla insieme al suo autore, realizzarla con le macchine che abbiamo (o con sega e dremel se necessario) e infine condividerla, attraverso il nostro blog, con chiunque desideri realizzarla a sua volta o rielaborarla in qualcosa di nuovo.
La mostra resterà aperta ancora per un mese. Un mese ricchissimo di iniziative ed eventi come il Fabcamp, Paratissima, Faber, View Conference e molto altro ancora. Abbiamo deciso di chiudere col botto perché ci sono ancora parecchie incognite su come proseguirà questa esperienza e se ci sarà, finalmente in pianta stabile, un Fablab a Torino. Quello che è sicuro è che ancora per un mese siamo ancora qui, alle OGR, entusiasti di realizzare nuovi progetti e aprire nuove collaborazioni.
Se ancora non siete venuti a trovarci è sicuramente il momento di farlo!

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Portacellulare per bici

Questo è il primo di due progetti di questo genere, disegnati entrambi sul Nokia E52. Il progetto nasce per un motivo molto semplice, il cellulare è uno strumento utilissimo mentre si va in bicicletta, sia che venga usato come navigatore, che come contachilometri (sempre basato su GPS), oppure più semplicemente come lettore MP3.
Questo significa che può essere usato sia per chi usa la bici in modo intensivo, che per chi lo fa per diletto.

Autore: Enrico Bassi
Licenza: CC by nc sa
SCARICA IL FILE DXF

Portacell per bici

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Portacell per bici

Portacell per bici

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

IMG_6984

IMG_6984

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

IMG_6980

IMG_6980

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

IMG_6959

IMG_6959

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

IMG_6957

IMG_6957

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

IMG_6953

IMG_6953

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

IMG_6950

IMG_6950

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

IMG_6949

IMG_6949

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

IMG_6948

IMG_6948

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

IMG_6946

IMG_6946

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

IMG_6984

IMG_6984

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

IMG_6980

IMG_6980

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

IMG_6959

IMG_6959

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

IMG_6957

IMG_6957

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

IMG_6953

IMG_6953

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

IMG_6950

IMG_6950

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

IMG_6949

IMG_6949

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

IMG_6948

IMG_6948

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

IMG_6946

IMG_6946

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Maker Faire

Per chi non la conoscesse già la Maker Faire è uno degli eventi principali per tutti coloro che amano creare, smontare, inventare. Insomma, per tutti coloro che ruotano attorno al vasto mondo del DIY.
Nato nel 2006 è organizzato dalla rivista americana Make e quest’anno pare ne vedremo delle belle. A partire dal team di Arduino che annunceranno alcuni nuovi prodotti, per adesso però massima segretezza.
Pare che i ragazzi di Makerbot faranno lo stesso con la presentazione del prossimo modello, i rumors parlano di velocità e precisioni di stampa maggiori e un aumento significativo del volume stampabile, ma basterà attendere ancora una settimana per scoprire le novità.
17 e 18 Settembre, se per caso avete pianificato una gira a New York per quelle date non potete perdervelo!

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

cioccolato_full

cioccolato_full

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

23092011219

23092011219

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

23092011217

23092011217

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

ogr_131

ogr_131

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Formelle – Roberto

Come per la realizzazione dell’ascia della Vittoria, il Fablab si trova spesso a collaborare col mondo dell’arte. Roberto in questo caso ha realizzato un modellino con la Z-corp molto utile per le ricerche della sua ipotesi:

Ringrazio il team di FabLab Italia (e in particolare Enrico) per la disponibilità e la pazienza con la quale mi ha aiutato a realizzare la riproduzione in scala di due sculture che ornano il parapetto del tornacoro della Basilica di Sant’Antonio a Padova. Diversi studiosi che ho interpellato ritengono che le decorazioni allo studio delle quali mi sto dedicando siano di fattura relativamente recente, ovvero non anteriori alla metà del diciottesimo secolo. Io credo invece che siano più antiche, e spero di poterlo dimostrare grazie anche a un’analisi attenta della loro ricostruzione in 3D.

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Cosa ci fanno due matematici al Fablab?

Sembra l’inizio di un indovinello, ma non lo è. Qualche settimana fa sono passati a vedere il laboratorio due ragazzi, chiacchierando mi dicono che gli è stato consigliato di passare da un loro amico che era stato da noi durante un openlab a realizzare il modello di uno scafo. Sembravano molto entusiasti, così gli ho proposto di partecipare a qualche progetto o di venire a realizzare qualcosa di loro. La loro risposta è stata: “ma noi siamo due matematici, che ci veniamo a fare qui?”
Nemmeno a farlo apposta in quei giorni stavo impazzendo cercando di trovare come far funzionare un accessorio per la fotografia, che deve muoversi secondo angoli precisi e poi scattare una foto. Era trigonometria di media difficoltà, nulla di impossibile, ma per un designer era uno scoglio insormontabile. Così ho chiesto una mano ai matematici. Loro hanno raccolto volentieri la sfida e duante l’aperitivo si sono messi a discutere. A fine serata c’era una formula con tanto di spiegazione e commento scritto in calce a quattro fogli di schizzi e calcoli. Io devo ringraziarli due volte: una naturalmente per avermi dato una mano sul progetto, che intanto sta andando avanti. La seconda perchè adesso, quando qualcuno mi dice che il fablab è un posto solo per artisti, designer e architetti, ho un aneddoto fantastico da raccontare.

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Chi siamo

Fablab è uno spazio in cui tutti posso (co)progettare e realizzare i loro oggetti, esattamente come li vogliono. è il figlio dell’industria da cui ha preso la precisione e la riproducibilità dei prodotti, il nipote dell’artigianato da cui ha preso la progettazione su misura, fratello dell’opensource con cui condivide la filosofia di scambiarsi progetti liberamente!
Fablab Italia non è solo una grande risorsa per chi il designer lo fa di professione, è soprattutto un’opportunità per chi vuol essere inventore per un giorno! L’essenziale è ritrovare quello spirito con cui da bambini si passavano delle ore a giocare coi lego! Sperimentare, divertirsi e non aver paura di osare!

FABLABITALIA TEAM

Massimo Banzi
Il padre di Arduino.

EnricoBassi
il coordinatore del FablabItalia

Designer a 360° si occupa di coordinare le varie attività del Fablab l’ha trasformato nella sua seconda casa, portando avanti contemporaneamente numerosi progetti con l’obiettivo di trasformare questa realtà in un vero hub di progettazione.

Lorenzo Romagnoli
L’incontro tra elettronica, software e cinema.

Neo laureato in Ingegneria del Cinema, tiene personalmente i corsi su Processing e aiuta Davide per quelli di Arduino. Lorenzo E’, inoltre, l’autore del montaggio di tutti i video firmati Fablabitalia che potete trovare sul nostro sito web.

Matteo Tangi
L’anima organizzativa e comuncativa del Fablab.

Neo laureato in Eco-design al Politecnico, si occupa della gestione del Fablab, quindi contatti, risorse umane, ma anche comuncazione, ricerca, blog, eventi promozionali, e quando trova il tempo, anche qualche progetto di design.

 

Davide Gomba
Il link diretto col mondo di Arduino.

Laureato in Scienze della Comunicazione, Davide è il Web master del blog di Arduino e gestisce autonomamente i nostri corsi di arduino, portando avanti molti altri progetti legati a questo hardware opensource made in Italy.

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Notte dei Ricercatori

La Notte dei Ricercatori è un’evento unico, in cui laboratori e centri di ricerca si aprono al pubblico mostrando i loro lavori più interessanti.
Centinaia di persone sono passate dal nostro stand per scoprire i segreti della digital fabrication e le potenzialità del Fablab. I più interessati erano ovviamente i bambini che si divertivano a guardare la Makerbot stampare e giocavano a fare i designer con il TornioDigitale.
Allo stand era presente anche il prototipo del nostro ultimo progetto, che sveleremo al più presto!

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

DSC_0779

DSC_0779

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

La mole a forellini


Grazie a un piccolo programma gratuito (grazie a Ray per avercelo fatto scoprire) chiamato Rasterbator è possibile trasformare delle fotografie in vettori costituiti da piccoli cerchiolini colorati. Cerchiolini che possono facilmente essere forati con la macchina laser realizzando un piccolo quadretto.
Bisogna solo fare attenzione a schiarire l’immagine di partenza per far si che i cerchiolini non si tocchino perdendo l’effetto una volta tagliati a laser.

Autore: Matteo Tangi
Licenza: CC by nc sa
SCARICA IL FILE DXF

One Response to “La mole a forellini”

  1. giulia giacani 13/02/2012 at 16:36 #

    Grazie Matteo,
    per avermi fatto conoscere Rasterbator!!!!
    …è un po’ che cercavo un programma del genere!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

DSC_0779

DSC_0779

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Notte dei Ricercatori

La Notte dei Ricercatori è un’evento unico, in cui laboratori e centri di ricerca si aprono al pubblico mostrando i loro lavori più interessanti.
Centinaia di persone sono passate dal nostro stand per scoprire i segreti della digital fabrication e le potenzialità del Fablab. I più interessati erano ovviamente i bambini che si divertivano a guardare la Makerbot stampare e giocavano a fare i designer con il TornioDigitale.
Allo stand era presente anche il prototipo del nostro ultimo progetto, che sveleremo al più presto!

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

28092011239

28092011239

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

FABBOTS-digital-fabrication

FABBOTS-digital-fabrication

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

2011-09-31

2011-09-31

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

2011-09-30

2011-09-30

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

2011-09-32

2011-09-32

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Frankestein Garage, il fablab a Milano


Fabber di tutta Italia, ed in particolare milanesi, tenetevi forte: a ottobre aprirà a Milano il Frankestein garage. Che cos’è? Un fablab, ovviamente. Questa la descrizione che potete trovare sul loro sito:

Gli oggetti si rompono, vogliamo migliorarli, desideriamo qualcosa che (ancora) non esiste.
Frankenstein Garage, ispirato al FabLab del MIT, è un laboratorio a Milano dove puoi realizzare le tue idee o dove il nostro team ti può aiutare a inventare, costruire, riparare, creare un prototipo.
Siamo green: utilizziamo materiale riciclato per ridurre l’impronta ecologica.

La dotazione del laboratorio sarà, almeno all’inizio, non molto ampia, ma comunque qualunque tentativo di diffusione della cultura dei fablab in Italia merita i nostri auguri, quindi:

Buona fortuna a Paolo, Alessandro e Andrea, i fondatori di questo lab!

5 Responses to “Frankestein Garage, il fablab a Milano”

  1. Nina 25/10/2011 at 08:49 #

    Non sapevo si potesse creare un Fablab riconosciuto senza avere neanche una macchina, neanche una autocostruita!
    °_°
    (E poi non si capisce dov’è.)

  2. carlo 25/10/2011 at 10:10 #

    in che senso? per diventare un fablab riconosciuto dal mit non bisogna avere in minimo di macchine attive? altrimenti faccio diventare un fablab anche il mio garage! ho una fresa, cacciaviti, saldatore e qualche microcontrollore!

  3. Solar32 25/10/2011 at 11:14 #

    Il sito dei fablab è un wiki. per essere “ufficiali” basta aggiungersi.

    Il garage di casa tua va benissimo :)

  4. Paolo 25/10/2011 at 12:03 #

    ah ma quindi anche il Fablab Italia di Torino dal mese prossimo diventerà un posto auto iscritto a un wiki? Sono molto triste

  5. mbanzi 25/10/2011 at 13:39 #

    Il fablab sopravvive, in un modo o nell’altro :)

    maggiori info al FabCamp

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

logo-06.png

logo-06.png

http://www.fablabitalia.it/wp-content/uploads/2011/10/logo-06.png

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Portacellulare per bici

Questo è il primo di due progetti di questo genere, disegnati entrambi sul Nokia E52. Il progetto nasce per un motivo molto semplice, il cellulare è uno strumento utilissimo mentre si va in bicicletta, sia che venga usato come navigatore, che come contachilometri (sempre basato su GPS), oppure più semplicemente come lettore MP3.
Questo significa che può essere usato sia per chi usa la bici in modo intensivo, che per chi lo fa per diletto.

Autore: Enrico Bassi
Licenza: CC by nc sa
SCARICA IL FILE DXF

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Frankestein Garage, il fablab a Milano


Fabber di tutta Italia, ed in particolare milanesi, tenetevi forte: a ottobre aprirà a Milano il Frankestein garage. Che cos’è? Un fablab, ovviamente. Questa la descrizione che potete trovare sul loro sito:

Gli oggetti si rompono, vogliamo migliorarli, desideriamo qualcosa che (ancora) non esiste.
Frankenstein Garage, ispirato al FabLab del MIT, è un laboratorio a Milano dove puoi realizzare le tue idee o dove il nostro team ti può aiutare a inventare, costruire, riparare, creare un prototipo.
Siamo green: utilizziamo materiale riciclato per ridurre l’impronta ecologica.

La dotazione del laboratorio sarà, almeno all’inizio, non molto ampia, ma comunque qualunque tentativo di diffusione della cultura dei fablab in Italia merita i nostri auguri, quindi:

Buona fortuna a Paolo, Alessandro e Andrea, i fondatori di questo lab!

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Digital fabbrication organica

Come sempre le conferenze TED e tutti i suoi speaker sono un’insaziabile fonte di ispirazione.
In questo caso ad aprirci gli occhi è Anthony Atala, direttore del Wake Forest Institute for Regenerative Medicine, un istituto di ricerca medica che lavora sulla crescita e rigenerazione di tessuti ed organi e l’ultimo traguardo è la creazione di una stampante 3D che produce organi veri e propri.
Bisognerà attendere ancora un po’ di anni prima di vedere la diffusione di queste stampanti in tutti gli ospedali, però la strada è tracciata. Viene da chiedersi quanto dovremo aspettare per vedere uscire da una stampante un simpatico umanoide!

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Digital fabbrication organica

Come sempre le conferenze TED e tutti i suoi speaker sono un’insaziabile fonte di ispirazione.
In questo caso ad aprirci gli occhi è Anthony Atala, direttore del Wake Forest Institute for Regenerative Medicine, un istituto di ricerca medica che lavora sulla crescita e rigenerazione di tessuti ed organi e l’ultimo traguardo è la creazione di una stampante 3D che produce organi veri e propri.
Bisognerà attendere ancora un po’ di anni prima di vedere la diffusione di queste stampanti in tutti gli ospedali, però la strada è tracciata. Viene da chiedersi quanto dovremo aspettare per vedere uscire da una stampante un simpatico umanoide!

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

FabLab @ View Conference 12

Dal 25 al 28 ottobre prenderà luogo la dodicesima edizione della conferenza internazionale View Conference, uno degli appuntamenti più importanti, a livello mondiale, nell’ambito della computer graphic.
Oltre numerosi ospiti internazionali c sarà anche il Fablab! Venerdi 27 ottobre 2011 h9.15/13.15 in Sala Einaudi
Per partecipare potete iniziare a registrarvi gratuitamente alla View Conference con l’apposito

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Borsa laptop lasercutted – Romi

Ecco il secondo progetto di Romi: una borsa per un computer portatile da 15′.
Come per la borsa precedente potete realizzare anche voi autonomamente la vostra versione!
Vi suggeriamo di portare tessuti colorati con fantasie vivaci, avrete la vostra borsa unica in tutto il mondo!

Autore: Romi Martin
Licenza: CC by nc nd (se volete fare delle modifiche contattate direttamente l’autrice alla mail romi.martin(chiocciola)gmail.com)
SCARICA IL FILE DXF

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

eventi

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Notte_dei_ricercatori_016_Matteo_Tangi

Notte_dei_ricercatori_016_Matteo_Tangi

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Notte_dei_ricercatori_011_Matteo_Tangi

Notte_dei_ricercatori_011_Matteo_Tangi

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Notte_dei_ricercatori_009_Matteo_Tangi

Notte_dei_ricercatori_009_Matteo_Tangi

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Notte_dei_ricercatori_008_Matteo_Tangi

Notte_dei_ricercatori_008_Matteo_Tangi

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Notte_dei_ricercatori_007_Matteo_Tangi

Notte_dei_ricercatori_007_Matteo_Tangi

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Notte_dei_ricercatori_006_Matteo_Tangi

Notte_dei_ricercatori_006_Matteo_Tangi

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Notte_dei_ricercatori_005_Matteo_Tangi

Notte_dei_ricercatori_005_Matteo_Tangi

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Notte_dei_ricercatori_003_Matteo_Tangi

Notte_dei_ricercatori_003_Matteo_Tangi

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Notte_dei_ricercatori_002_Matteo_Tangi

Notte_dei_ricercatori_002_Matteo_Tangi

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

mole raster

mole raster

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Lasercut per i bimbi!

Natale è alle porte e c’è chi sta già pensando ai regali per i figli! Quest’anno il Fablab potrebbe essere la soluzione. Cesare ha realizzato dei giocattolini in legno per i suoi figli, forme semplici che richiamano i giocattoli antichi e semplici che stimolavano la fantasia dei bambini.
Se volete realizzarli anche voi venite a trovarci, inventate nuove forme o nuovi giochi e saremo felici di relizzarli per voi!

Autore: Cesare Griffa
Licenza: CC by nc sa
SCARICA IL FILE DXF

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

FabLab @ View Conference 12

Dal 25 al 28 ottobre prenderà luogo la dodicesima edizione della conferenza internazionale View Conference, uno degli appuntamenti più importanti, a livello mondiale, nell’ambito della computer graphic.
Oltre numerosi ospiti internazionali c sarà anche il Fablab! Venerdi 27 ottobre 2011 h9.15/13.15 in Sala Einaudi
L’ingresso è gratuito fino ad esaurimento posti quindi affrettatevi a prenotarvi!

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

mole raster

mole raster

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Attività di Ottobre

Ottobre è alle porte e come ogni mese i mercoledi e i sabato sono dedicati all’Open Lab! Per chi non li conoscesse ancora sono i momenti in cui il Fablab si apre al pubblico a 360° e ognuno può realizzare i proprio progetti con le nostre macchine!
Nella pagina eventi potete trovare i form da compilare per iscriversi e partecipare gratuitamente. Come sempre tutti i progetti realizzati vengono postati sul nostro blog nella sezione Progetti.

Ad ottobre tornano anche i corsi base di Processing e Arduino. Per chi volesse entrare in contatto con questi due mondi questa è l’occasione giusta.
Anche in questo caso potete prenotarvi gratuitamente nella sezione Eventi

Venghino signori venghino!

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

FabCamp Torino

Tempo fa – con il preziosissimo impegno di Riccardo Luna e del Comitato Italia 150 – abbiamo avuto la possibilità di aprire il primo Fablab Italiano, che con grandissima originalità abbiamo chiamato FabLab ITALIA.

Nonostante alcuni timori iniziali sulla ricettività dell’Italia verso un’iniziativa del genere, devo ammettere che il laboratorio sta andando a gonfie vele.

Tantissimi i contatti, molte (siamo nell’ordine delle centinaia) le persone che hanno partecipato a laboratori in pochi mesi. Interessanti i progetti, che vengono puntualmente bloggati dal sito del FabLab e che fanno il giro del web (mi viene in mente il successo del digital lathe realizzato in occasione di Vanchiglia Open Lab).

I ragazzi del Fablab – e le diverse persone che vi orbitano intorno – sono stati in grado di entrare nel tessuto cittadino e “rendersi utili”. Questa era la cosa più importante. Tantissimi studenti di architettura si sono rivolti al Fablab per realizzare i loro progetti.

Dato che la mostra “Stazione Futuro” volge al termine è venuto il momento di riflettere sui risultati portati dal FabLab Italia e di capire se c’è l’interesse a mantenere in vita questa realtà molto importante. A questo scopo abbiamo deciso di organizzare una giornata d’incontro che abbiamo chiamato FabCamp Italia. L’idea originale viene da Massimo Menichinelli, che da anni si occupa di studiare l’open design ed il P2P design.

La giornata scelta per questo evento è il 29 Ottobre, il luogo è ovviamente il FabLab Italia a Torino. Ci saranno alcune brevi presentazioni sul “Fabbing” nel mondo ed in Italia seguite da spazi per discussioni informali tra gruppi di partecipanti. Cercheremo di “distillare” delle proposte sul futuro del FabLab e raccogliere proseliti per futuri progetti.

Nei prossimi giorni pubblicheremo il programma della giornata ed una lista degli ospiti, nel frattempo spargete la voce, segnatevi nel calendario questa data e registratevi qui.

It’s going to be Fab ;)

m

4 Responses to “FabCamp Torino”

  1. rccrd 24/10/2011 at 13:35 #

    sono disponibili il programma e gli orari del FabCamp Torino?? e donde?
    rccrd

    • Matteo 24/10/2011 at 18:42 #

      Il fabcamp è sabato 29 dalle 10 alle 18 circa.
      Il programma è: mattinata speach degli speaker principali riguardo il mondo dei fablab e a questi 8 mesi di FablabItalia, pomeriggio discussione collettiva sulle sorti del fabcamp a Torino.
      A presto!

      • Nina 25/10/2011 at 08:35 #

        Non esiste un programma più dettagliato?
        Chi saranno gli speaker?

        • Matteo 25/10/2011 at 17:27 #

          Ciao Nina! I main speaker saranno Riccardo Luna, Massimo Banzi, Massimo Menichinelli, Enrico Bassi. A seguire tutti coloro che hanno avuto a che fare col fablab in questi mesi potranno liberamente prendere la parola e raccontare la loro esperienza.
          Spero di vederti sabato,
          a presto!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Borsa cerchio lasercutted – Romi

A evidenziare che Fablab non significa solamente elettronica e hardware ma che il nostro laboratorio è flessibile a tutti i tipi di impiego ci ha pensato Romi, che da poco arrivata in Italia dal lontano Sudafrica ha deciso di realizzare da noi le proprie borse. A lei la parola:

Ho lavorato con un laser per un po’ e ho avuto un’idea per
tagliare i tessuti. Ero davvero curiosa di vedere l’effetto
sul feltro e dopo alcuni tentativi, ho scoperto che si taglia perfettamente.
Ho creato un pattern 2d e come prova, ho pensato che
sarebbe stato più bello tagliare qualcosa di utile,
quindi, ho disegnato una borsa e sono andata a FabLab per
tagliarla. Sono stata davvero contenta del risultato e ho iniziato
designare diversi modelli di borse, che vorrei si
trasformasero in un business e vorrei venderle presto on-line.
Se volete realizzare anche voi la vostra borsa al Fablab avrete bisogno di uno strato feltro per l’esterno e un doppio strato di tessuto stampato
per l’interno, quando tutto sarà tagliato, cucitelo insieme
utilizzando una macchina da cucire. Buon divertimento!

Autore: Romi Martin
Licenza: CC by nc nd (se volete fare delle modifiche contattate direttamente l’autrice alla mail romi.martin(chiocciola)gmail.com)
SCARICA IL FILE DXF

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Attività di Ottobre

Ottobre è alle porte e come ogni mese i mercoledi e i sabato sono dedicati all’Open Lab! Per chi non li conoscesse ancora sono i momenti in cui il Fablab si apre al pubblico a 360° e ognuno può realizzare i proprio progetti con le nostre macchine!
Nella pagina eventi potete trovare i form da compilare per iscriversi e partecipare gratuitamente. Come sempre tutti i progetti realizzati vengono postati sul nostro blog nella sezione Progetti.

Ad ottobre tornano anche i corsi base di Processing e Arduino. Per chi volesse entrare in contatto con questi due mondi questa è l’occasione giusta.
Anche in questo caso potete prenotarvi gratuitamente nella sezione Eventi

Infine

Venghino signori venghino!

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

P1070235w

P1070235w

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

animali e aerei

animali e aerei

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Back to school, fabber!

Tra non molto si ricomincerà con il liceo, l’università, la firma di contratti (si spera)… così, ecco un pensierino per ricordarvi sempre, anche nella vita post-vacanziera, la bellezza del DIY: il designer Fraser Ross ha progettato una penna che ci si può costruire da soli, partendo da un foglio di compensato grande come una cartolina, inciso con una laser cutter. Il rivestimento è in gomma colorata, da scaldare con un asciugacapelli per farlo aderire per bene.

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

New Yorkers @ Fablab

Buildsmart 2011 – week 2: prototyping from build smart on Vimeo.

Buildsmart è un progetto che coinvolge la facoltà di Architettura II del Politecnico di Torino, Rensselaer Polytechnic Institute School of Architecture di New York e ovviamente il FablabItali! I ragazzi hanno pacificamente occupato il nostro laboratorio per quasi una settimana per realizzare i loro prototipi di progetti assolutamente funzionanti.
Un’esperienza formante per loro che hanno potuto confrontarsi con le tecnologie della digital fabbrication e le potenzialità del phisical computing (aka Arduinio) e per noi che abbiamo raccolto la sfida aiutando i futuri architetti a risolvere i loro dubbi.
A breve un uteriore post con i risultati della collaborazione, e chissà che in cambio non ci progetteranno la futura sede del fablabitalia!

Su Flickr e su Facebook le foto dell’evento!

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

pixel-block-chocolate-a-social-message

pixel-block-chocolate-a-social-message

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

eyepiece cover

eyepiece cover

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Progetti

Benvenuti nella sezione

“Progetti realizzati al FabLab Italia”

Vi piacciono?
Li vorreste costruire anche voi?
Avete in mente qualche modifica?

Prenotatevi agli OpenLab, venite a trovarci e li realizzeremo, copieremo, modificheremo assieme!

Per vedere tutte le opere nate nel nostro laboratorio
.
Tutti i Progetti
.

Se volete in particolare scoprire quello che avete realizzato VOI al nostro OpenLab cliccate qui:
.
OpenLab
.

Per vedere invece solo i progetti realizzati da noi allora date un’occhiata qui:
.
FabLab Team

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

no oil_original

no oil_original

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

New Yorkers @ Fablab

Buildsmart 2011 – week 2: prototyping from build smart on Vimeo.

Buildsmart è un progetto che coinvolge la facoltà di Architettura II del Politecnico di Torino, Rensselaer Polytechnic Institute School of Architecture di New York e ovviamente il FablabItali! I ragazzi hanno pacificamente occupato il nostro laboratorio per quasi una settimana per realizzare i loro prototipi di progetti assolutamente funzionanti.
Un’esperienza formante per loro che hanno potuto confrontarsi con le tecnologie della digital fabbrication e le potenzialità del phisical computing (aka Arduinio) e per noi che abbiamo raccolto la sfida aiutando i futuri architetti a risolvere i loro dubbi.
A breve un uteriore post con i risultati della collaborazione, e chissà che in cambio non ci progetteranno la futura sede del fablabitalia!

Su Flickr e su Facebook le foto dell’evento!

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Maker Faire 2011 New York – Novità in Casa Arduino e Tra le Stampanti 3D

Giorni intensi sono finalmente finiti a New York. Alla Maker Faire di quest’anno Arduino non ha fatto mancare le tanto attese novità ed ho potuto toccare con mano il dinamismo e la stravaganza di un evento praticamente unico nel suo genere, almeno paragonandolo all’Italia. Parlando con  [Dale Dougherty],  organizzatore della Maker Faire e fondatore di Make:Magazine emerge una tendenza, una direzione che in qualche modo l’opinione pubblica americana ha preso. 35/40 mila visitatori in due giorni (stimato da lui la domenica pomeriggio – il numero potrebbe cambiare da rilievi ufficiali), suddivisi in un pubblico estremamente vario, equamente distribuito.

La Maker Faire nasce sulla West Coast , dove la casa editrice O’Reilly ha il suo quartier generale. Lì, nel cuore della Silicon Valley, il pubblico é comunque “preparato” alla tecnologia. Qui a New York famiglie, over 65 e giovani erano equamente rappresentati in mezzo ai padiglioni di più di 500 Makers. Tra i tanti, il piccolo stand di Arduino, accompagnato qui da alcuni produttori europei e non-americani quali Watterott (Germania), Snootlab (Francia), e Telefonica (la Telecom spagnola con la quale Arduino sta realizzando lo shield GPRS). Da non dimenticare il giaponesissimo (e simpaticissimo) Shigeiiru Kobayashi. Arduino, inteso qui come mezzo, capeggiava in realtà in ogni stand per questo o quell’uso. Grandi aziende pubblicizzavano shield per Arduino, piccoli artigiani tecnologici smanettoni vendevano le loro schede fatte in case, gradi e piccole entità basavano nuove macchine sulla schedina italiana.

Tra i vari stand si poteva ammirare anche la crescita (incredibie, in questi anni) della creazione di stampanti 3D sempre più evolute. In particolare quest’anno hanno attirato la mia attenzione tre elementi diversi, tutti e tre emanazione di uno stesso messaggio (la stampante 3D entrerà nelle nostre case). Erano: 1) Makerbot e il suo sforzo – rappresentato in termini di persone coinvolte nello stand, bambini che giocavano alla grande pista di tartarughe-telecomandate interamente realizzate con la makerbot – di rimanere centrale ed unica (almeno nel mercato americano) produttrice di stampanti 3d di massa. 2) l’arrivo della ultimaker, con una maggiore risoluzione ed uno spazio di stampa superiore alle concorrenti. La grande differenza tra le due é la parte in movimento: nella Makerbot é il piano di stampa, nell’Ultimker é l’extruder (l’augello / testa che deposita l’ABS). Questo permette stampe più veloci, con maggiore risoluzione e più alte / grandi. 3) il ritorno della Rep Rap come stampante di punta. Josef Prusa e la sua “Prusa” promettono stampe con una risoluzione altrettanto buona ma con la possibilità di lavorare diversi materiali.

Insomma, la battaglia é aperta, ed é sotto i nostri occhi.

L’annuncio dell’Arduino Due può cambiare (ed innovare) il mondo della stampa 3D perché il processore su cui é basato (un ARM Cortex M3) é di capacità estremamente superiore al Atmel 2560 della MEGA. Questo permette di controllare con una risoluzione maggiore i movimenti della testa (o del piano) e creare stampe molto più fedeli.

Dal vostro invato a New York, con tanto ammore.

 

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

i matematici

i matematici

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

portacell per bici

portacell per bici

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Targhe NO-OIL di legno

Le targhe NO-OIL sono un must per chi ama la bicicletta. Semplici ed efficaci sono anche belle da vedere, ma hanno un problema. Sono in plastica, ovvero, petrolio!
Nessun problema qui al fablab si può risolvere anche questo! Quindi, in piena filosofia opensource, è stato riadattato un progettino realizzato per il bike pride e rielaborandolo ne è stata fatta una versione in legno!
Preccupati che la pioggia lo possa rovinare? Dategli 3-4 mani di cera d’api e avete risolto!
In più, visto che non tutti possono passare dal fablab a realizzare la propria targhetta nello stesso file, pronto da scaricare, c’è la versione “per trapano”, basta stamparla, scotcharla a una lastra di compensato (io ho usato pioppo da 4mm) e con una punta da 6mm forare secondo i punti dati. Poi con una lima si possono togliere le punte, anche se io fossi in voi le lascerei. Grazie ai piccoli errori che potreste fare non ci sarà mai nessuno che avrà la targhetta uguale alla vostra!
Ovviamente potete anche passare a realizzare la versione “da trapano” col laser, a voi la scelta!

Autore: Matteo Tangi
Licenza: CC by nc sa
SCARICA IL FILE DXF
Per scaricare il file originale di Enrico clicca QUI

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Linux day

Segnatevi questa data, 22 ottobre 2011. Sarà il giorno del Linux Day, un’evento internazionale che prende luogo in moltissime città italiane. Chiunque abbia la passione per il mondo dell’Open e del Free Software può autonomamente organizzare degli eventi e inserirli all’interno della mappa che potete trovare sul sito ufficiale.
Come per i software anche in questo caso il tema è partecipazione attiva dei singoli individui, percui diffondete la notizia e date una mano a rendere grande l’evento!

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

No_Oil_007_Matteo_Tangi

No_Oil_007_Matteo_Tangi

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

No_Oil_004_Matteo_Tangi

No_Oil_004_Matteo_Tangi

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

No_Oil_002_Matteo_Tangi

No_Oil_002_Matteo_Tangi

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

03082011181

03082011181

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

03082011179

03082011179

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

03082011178

03082011178

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

03082011177

03082011177

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Business card tagliato a laser

Personalmente amo la fotografia. Non sono un professionista ma mi capita spesso di mostrare le mie fotografie e che mi venga chiesto un recapito o un contatto. Regolarmente, quelle poche volte, iniziava la disperata ricerca di una penna e di un foglietto di carta o peggio il classico tovagliolino da bar e matitina dell’Ikea. Pessimo!
Ovviamente al Fablab c’è una soluzione anche per questo, quindi mi sono buttato su Inkscape (progamma di disegno 2d gratuito) e ho disegnato i miei biglietti da visita fotografici! Dopo qualche esperimento mal riuscito ho tirato fuori un risultato divertente e sicuramente non il solito noioso biglietto da visita!

Se volete il vostro personale venite al fablab durante un’open lab e ve lo taglieremo volentieri sul supporto preferite!

Autore: Matteo Tangi
Licenza: CC by nc sa
SCARICA IL FILE DXF

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultimaker

Ultimaker. Non è il nome dell’ultimo sequel dei Transformers ma è la 3D printer che promette di dare battaglia alla nostra cara Makerbot.
Le dimensioni della stampante sono analoghe ma a quanto si legge sul sito e si può vedere dai video di presentazione le dimensioni di stampa sono 210 x 210 x 220 mm e la velocità di stampa pare notevolmente più evelata.

Non resta che aspettare il Maker fair per vedere se la battaglia sarà ad armi pari o se i ragazzi di Makerbot introdurranno qualcosa di ancora più innovativo.
Ovviamente, chiunque abbia modo di mettere le mani sulla Ultimaker ci scriva le sue impressioni!

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Targhe NO-OIL di legno

Le targhe NO-OIL sono un must per chi ama la bicicletta. Semplici ed efficaci sono anche belle da vedere, ma hanno un problema. Sono in plastica, ovvero, petrolio!
Nessun problema qui al fablab si può risolvere anche questo! Quindi, in piena filosofia opensource, è stato riadattato un progettino realizzato per il bike pride e rielaborandolo ne è stata fatta una versione in legno!
Preccupati che la pioggia lo possa rovinare? Dategli 3-4 mani di cera d’api e avete risolto!
In più, visto che non tutti possono passare dal fablab a realizzare la propria targhetta nello stesso file, pronto da scaricare, c’è la versione “per trapano”, basta stamparla, scotcharla a una lastra di compensato (io ho usato pioppo da 4mm) e con una punta da 6mm forare secondo i punti dati. Poi con una lima si possono togliere le punte, anche se io fossi in voi le lascerei. Grazie ai piccoli errori che potreste fare non ci sarà mai nessuno che avrà la targhetta uguale alla vostra!
Ovviamente potete anche passare a realizzare la versione “da trapano” col laser, a voi la scelta!

Autore: Matteo Tangi
Licenza: CC by nc sa
SCARICA IL FILE DXF

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mascherine per effetto bokeh

Fotografia significa letteralmente scrivere con la luce. C’è chi lo fà letteralmente con il light writing e chi invece usa una tecnica diversa sfruttando il cosiddetto effetto bokeh , vale a dire l’effetto sfuocato che gli obiettivi fotografici possono generare. Il principio è semplice, quando mettiamo a fuoco qualcosa qualcos’altro è fuori fuoco, quando qiesto capita di sera i punti luminosi se sfuocati diventano dei veri e propri cerchi colorati. Ma maschera bokeh non fa altro che trasformare questi cerchi nelle forme che desiderate voi, addirittura è possibile generare delle scritte.
Per avere un’idea più precisa di cosa si sta parlando ecco un video di cosa si può arrivare a fare. Dopo averlo visto correrete al fablab a farvi le vostre mascherine!

Per chi non avesse la possibilità di passare da noi a laserarle niente paura, nel suo sito Lore Haroutunian spiega come realizzarle con le care forbici :)

Autore: Matteo Tangi
Ispirazione: http://www.bokehmasterskit.com/
Licenza: CC by nc sa
SCARICA IL FILE DXF

2 Responses to “Mascherine per effetto bokeh”

  1. roberto zanon 17/09/2011 at 17:13 #

    Ho scoperto, un po’ casualmente, il vostro centro e mi vorrei entrare in contatto con voi.
    Io insegno Design all’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino e mi piacerebbe proprio se riuscissimo a collaborare assime.
    Aspetto un vostro riscontro.
    Ciao
    Roberto Zanon

    • Matteo 21/09/2011 at 10:37 #

      CIao Roberto!
      Felicissimi di collavorare, vieni a trovarci un pomeriggio alle Officine Grandi Riparazioni cosi possiamo fare 4 chiacchere dal vivo!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Linux day

Segnatevi questa data, 22 ottobre 2011. Sarà il giorno del Linux Day, un’evento internazionale che prende luogo in moltissime città italiane. Chiunque abbia la passione per il mondo dell’Open e del Free Software può autonomamente organizzare degli eventi e inserirli all’interno della mappa che potete trovare sul sito ufficiale.
Come per i software anche in questo caso il tema è partecipazione attiva dei singoli individui, percui diffondete la notizia e date una mano a rendere grande l’evento!

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

linuxyday_logo

linuxyday_logo

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultimaker

Ultimaker. Non è il nome dell’ultimo sequel dei Transformers ma è la 3D printer che promette di dare battaglia alla nostra cara Makerbot.
Le dimensioni della stampante sono analoghe ma a quanto si legge sul sito e si può vedere dai video di presentazione le dimensioni di stampa sono 210 x 210 x 220 mm e la velocità di stampa pare notevolmente più evelata.

Non resta che aspettare il Maker fair per vedere se la battaglia sarà ad armi pari o se i ragazzi di Makerbot introdurranno qualcosa di ancora più innovativo.
Ovviamente, chiunque abbia modo di mettere le mani sulla Ultimaker ci scriva le sue impressioni!

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

ultimaker7

ultimaker7

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Maker Faire

Per chi non la conoscesse già la Maker Faire è uno degli eventi principali per tutti coloro che amano creare, smontare, inventare. Insomma, per tutti coloro che ruotano attorno al vasto mondo del DIY.
Nato nel 2006 è organizzato dalla rivista americana Make e quest’anno pare ne vedremo delle belle. A partire dal team di Arduino che annunceranno alcuni nuovi prodotti, per adesso però massima segretezza.
Pare che i ragazzi di Makerbot faranno lo stesso con la presentazione del prossimo modello, i rumors parlano di velocità e precisioni di stampa maggiori e un aumento significativo del volume stampabile, ma basterà attendere ancora una settimana per scoprire le novità.
17 e 18 Settembre, se per caso avete pianificato una gira a New York per quelle date non potete perdervelo!

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Sculture Digitali – Riccardo

La collaborazione tra fablab e gli artisti continua con Riccardo che utilizzando una delle nostre macchine ha realizzato l’ultima sua opera. Riccardo realizza forme astratte in digitale e le realizza in un secondo tempo fisicamente. Nulla di più facile per il fablab!

3 Responses to “Sculture Digitali – Riccardo”

  1. Irex 01/10/2011 at 12:55 #

    Bellissimo! vorrei capire in che modo dal digitale vengono tradotte nel modello reale. Qual’è la tecnologia usata?

    • Enrico 01/10/2011 at 14:27 #

      Questa scultura è stata realizzata con la stampante 3D della Z-corp (http://www.zcorp.com/it/Products/3D-Printers/ZPrinter-350/spage.aspx). Funziona esattamente come una stampante, ma anzichè inchiostro su carta stampa colla su polvere e, strato dopo strato, crea l’intero oggetto

    • Matteo 11/10/2011 at 14:50 #

      Ciao Irex, il passaggio digitale/reale avviene tramite software che trasformano il modello 3d digitale in una serie di movimenti e azioni che la macchina effettua fino ad realizzare un oggetto reale. Ogni macchina ha le sue caratteristiche, la presentazione slideshare che trovi sul sito ti da una panoramica delle macchine che abbiamo qui. Se ti fa piacere provare a utilizzarle fino al 20 Novembre saremo all’interno della mostra Stazione Futuro alle OGR (Torino). Vienici a trovare!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ho scritto sull’hard disk, letteralmente.

Recentemente abbiamo smontato qualche vecchio hard disk ormai non funzionante. Dentro ci sono due magneti molto potenti (l’obbiettivo della nostra ricerca), la testina, il motorino e due dischi (generalemnte in alluminio) coperti di materiale ferromagnetico. I piatti sono degli specchi perfetti, lucidissimi ed estremamente planari. Pensando a come poterli decorare o verniciare, abbiamo fatto una serie di tentativi che sono arrivati a questo risultato. Il problema principale è che il laser lavora molto male su superfici riflettenti e sui metalli, se poi si tratta di una combinazione di questi due aspetti, è davvero una missione difficoltosa. Alla fine rivestendo con una vernice acrilica la superficie, il laser iresce a scaldare quanto basta per lasciare una traccia. La cosa interessante è che dove il laser non passa basta incollare del buon nastro adesivo e tirare: la vernice non riesce ad aggrappare su un metallo così liscio e si spela. I residui possono essere rimossi con acetone o con un solvente.

One Response to “Ho scritto sull’hard disk, letteralmente.”

  1. daniela 16/09/2011 at 14:38 #

    oh.. ma che beltà!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Poesie dinamiche – Daniela

Fablab non significa solamente design ma anche arte!
Daniela Calisi lavora da anni sulla rappresentazione visuale delle parole e ha realizzato da noi la sua nuovera opera artistica “poesie dinamiche”.
Per scoprire le sue opere potete visitare il suo sito contentodesign.it

Autore: Daniela Calisi
Licenza: CC by nc sa

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Io stampo col sole!

Markus Kayser – Solar Sinter Project from Markus Kayser on Vimeo.

Non è difficile immaginarsi i sorrisi che avrà strappato Markus Kayser quando, per la prima volta disse che voleva realizzare una stampante 3d a raggi solari. “Che fantasia questo ragazzo!” avranno pensato.
Invece Marcus la sua Solar Sinter l’ha creata, utilizzando come materia prima della comune sabbia riesce a realizzare qualsiasi oggetto, in un materiale che sta a metà tra la roccia e il vetro. L’estetica è grezza, non precisa e industriale come una lasercutter ma vuoi mettere il piacere di realizzare il tuo prodotto ovunque tu sia?
Al momento la stampante ha dato il meglio in Egitto, dove i raggi solari sono forti e perpendicolari ma se vivete in Norvegia non disperatevi, con una lente di Fresnell più grande e un fuoco più preciso sarà possbile stampare anche sul balcone di casa!

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

DIY (2)_640

DIY (2)_640

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Spallaccio per Canon 5D – Dafni

Fablab significa creare, inventare, modificare e rialaborare. Proprio con questa filosofia Dafni, un giovane video maker ha deciso di realizzare il proprio spallaccio per la reflex con cui fare i suoi video. Il progetto era già presente sul sito thinkgiverse.com e con qualche modifica è diventato perfetto per le esigenze di Dafni!
Attendiamo a breve di vedere qualche suo video!

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Immagine

Immagine

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Stampante cutter solare!


Il designer industriale Markus Kayser ha lavorato nell’ultimo anno per costruire due machine veramente incredibili. La prima, chiamata Sun Cutter, è un cutter in cui invece del “solito” laser viene usata la luce del sole, concentrata tramite una grande lente sulla superficie da tagliare. Il materiale da tagliare viene movimentato da un sistema automatizzato. Questa macchina è stata provata per la prima volta nel deserto del Sahara nel 2010, creando dei particolari occhiali da sole.
Stupefacente, no? Beh, sedetevi perché la seconda macchina creata da Kaiser è ancora più straordinaria! Unendo due delle risorse più abbodanti nel deserto, la sabbia e il sole ne ha creata un’altra. Per scoprire di cosa si tratta è in arrivo il prossimo post!

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Come farsi un circuito stampato – con la fresa

L’ultima tecnica per farsi circuiti stampati (a cui facevamo riferimento in questo post) usa invece la rimozione meccanica dello strato di rame dove non serve.
Per fare ciò abbiamo usato la nostra fresa e una punta conica da incisione. Queste punte (engraving bits) sono sostanzialmente uno stelo di metallo duro che termina conico (solitamente con angolo al vertice di 60°) in cui metà della punta è stata spianata. questo consente di incidere tracce anche molto sottili senza usare punte cilindriche di diametri troppo piccoli.
il risultato è davvero interessante, inoltre non servono bagni di acidi o processi complessi. Il codice che controlla la fresa viene generato in automatico da molti software (ad esempio Eagle). la stessa macchina può poi forare con estrema precisione tutte i punti di saldatura. Unico svantaggio: è estremamente importante fissare la piastra ramata il più planare possibile. Se cambia l’altezza, ovviamente, cambia la profondità e quindi la larghezza dell’incisione.

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Corso di Perl (gratis)

Tutti coloro che amano il software e l’opensource sicuramente conosceranno il nome Perl. Grazie all’Associazione Perl.it (utenti italiani Perl), in collaborazione con l’Università di Torino, a settembre verrà organizzata la sesta edizione dell’Italian Perl Workshop (IPW 2011).Chi desiderasse imparare i segreti di questo mondo può partecipare gratuitamente al workshop.
per ulteriori informazioni ecco il PDF

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Come farsi un circuito stampato – con il taglio laser

La seconda tecnica per farsi circuiti stampati (a cui facevamo riferimento in questo post) usa il laser per rimuovere la vernice protettiva dal materiale. Probabilmente non è esattamente un’attrezzatura comune a molti, ma il vantaggio di essere un fablab è anche questo.
Una volta disegnato il circuito si esporta come jpg a 300dpi. Il laser “stampa” l’inverso dell’immagine sulla piastrina ramata coperta con uno spray acrilico. quello che succede è che la vernice viene bruciata seguendo le piste che si vogliono ottenere e il rame lì viene esposto. L’ultimo passo è uguale alla tecnica precedente, ovvero la rimozione del rame con acido cloridrico e acqua ossigenata.
Con questo metodo si risparmiano alcune sgradevoli e lunghe operazioni manuali, ma una volta laserata, la piastrina va delicatamente pulita dai residui di vernice con alcool. In questa fase può succedere di danneggiare o asportare anche alcune parti che avrebbero dovuto rimanere protette (quello che è successo a noi…).

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Borsa laptop lasercutted – Romi

Ecco il secondo progetto di Romi: una borsa per un computer portatile da 15′.
Come per la borsa precedente potete realizzare anche voi autonomamente la vostra versione!
Vi suggeriamo di portare tessuti colorati con fantasie vivaci, avrete la vostra borsa unica in tutto il mondo!

Autore: Romi Martin
Licenza: CC by nc nd (se volete fare delle modifiche contattate direttamente l’autrice alla mail romi.martin(chiocciola)gmail.com)
SCARICA IL FILE DXF

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Borsa laptop Romi

Borsa laptop Romi

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

borsa laptop

borsa laptop

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

borsa cerchio Romi

borsa cerchio Romi

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

round-bag

round-bag

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

maker-faire-2008

maker-faire-2008

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mascherine per effetto bokeh

Fotografia significa letteralmente scrivere con la luce. C’è chi lo fà letteralmente con il light writing e chi invece usa una tecnica diversa sfruttando il cosiddetto effetto bokeh , vale a dire l’effetto sfuocato che gli obiettivi fotografici possono generare. Il principio è semplice, quando mettiamo a fuoco qualcosa qualcos’altro è fuori fuoco, quando qiesto capita di sera i punti luminosi se sfuocati diventano dei veri e propri cerchi colorati. Ma maschera bokeh non fa altro che trasformare questi cerchi nelle forme che desiderate voi, addirittura è possibile generare delle scritte.
Per avere un’idea più precisa di cosa si sta parlando ecco un video di cosa si può arrivare a fare. Dopo averlo visto correrete al fablab a farvi le vostre mascherine!

Per chi non avesse la possibilità di passare da noi a laserarle niente paura, nel suo sito Lore Haroutunian spiega come realizzarle con le care forbici :)

Autore: Matteo Tangi
Ispirazione: http://www.bokehmasterskit.com/
Licenza: CC by nc sa
SCARICA IL FILE DXF

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

diabolica strada

diabolica strada

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

il semaforo prende vita

il semaforo prende vita

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

semplice semaforo?

semplice semaforo?

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Sorrisi in piazza Vittorio

Sorrisi in piazza Vittorio

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Stelle in Piazza Vittorio 3

Stelle in Piazza Vittorio 3

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Stelle in Piazza Vittorio 2

Stelle in Piazza Vittorio 2

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Stelle in Piazza Vittorio 1

Stelle in Piazza Vittorio 1

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

mascherina montata su reflex

mascherina montata su reflex

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>